Blog

Una giornata di trekking: quali bastoncini comprare?

I bastoncini da trekking fanno parte oramai dell’attrezzatura essenziale per i camminatori e per gli amanti della natura e della vita all’aria aperta.

A Scout.coop abbiamo selezionato alcuni tra i migliori bastoncini da trekking che possano essere utili alle differenti esigenze.

Le fasce di prezzo sono differenti ma è necessario guardare anche all’utilizzo che se ne vuole fare: molto dipende infatti da dove li utilizzeremo, per quanto tempo e su quale terreno.

Perchè acquistare dei bastoncini da trekking

Ci sono dei precisi vantaggi nell’utilizzo di questa attrezzatura: prima di tutto forniscono un maggiore sostegno e stabilità durante la camminata in special modo quando si fanno percorsi in discesa dove più alto è il rischio di cadere o procurarsi una distorsione.

Un secondo vantaggio è che contribuiscono a rafforzare i muscoli superiori, l’utilizzo infatti dei bastoncini permette di tonificare braccia, spalle e muscoli pettorali.

Come scegliere il bastoncino adatto alle tue esigenze

Ci sono vari elementi da considerare:

  • Peso e materiale utilizzato:
    • Alluminio: la maggior parte dei bastoncini sono di alluminio in quanto materiale resistente agli urti, anche se di maggior peso.
    • Carbonio: garantiscono una maggiore leggerezza anche se più facile che possano subire urti. E’ un materiale che fornisce migliore prestazioni ovvero una maggiore capacità di ammortizzare le vibrazioni del terreno.
  • Impugnatura:
    • Gomma: utile per attività impegnative in quanto attutisce maggiormente i colpi. In inverno ha anche un ottimo isolamento dal freddo mentre la sconsigliamo d’estate.
    • Sughero: ottimo materiale sia per l’inverno (il sughero fa da isolante) sia d’estate in quanto non fa sudare la mani.
    • Schiuma: sconsigliabile per l’inverno in quanto assorbe l’acqua.
  • Rondella: la rondella serve a non fare affondare il bastoncino su terreno con neve e fango. Dunque, se non di serie, è un utile optional da aggiungere ai propri bastoncini
  • Ammortizzatori: nei modelli più recenti è possibile attivare o disattivare gli ammortizzatori a seconda del terreno che si percorre, ovviamente aumenta il costo del bastoncino ma dall’altra parte è un vantaggio perchè attutisce vibrazioni e contraccolpi.
  • Lunghezza: abbiamo bastoncini a lunghezza fissa e variabile, ovviamente quelli a lunghezza fissa sono più stabili ma hanno lo svantaggio di non poter essere regolati in altezza. Quelli a lunghezza variabili possono essere a due o a tre sezioni: si consigliano magari quelli a due sezioni per avere più stabilità e quelli a tre sezioni se serve più leggerezza e più compattezza nello zaino.

Un ulteriore aspetto è lo spazio che occupa il bastoncino: troverai infatti in questo articolo dei consigli di acquisto di bastoncini pieghevoli, a volte quando si fanno trekking lunghi è utile avere bastoncini che si usano “al bisogno” e che dunque sono facilmente ripiegabili dentro lo zaino o nelle tasche laterali dello zaino.

La nostra selezione di bastoncino telescopico

Abbiamo selezionato 3 prodotti:

  • Bastoncino Telescopico GTA by Ferrino: bastoncino affidabile con sistema “a vite”, la cui stabilità è assolutamente indispensabile nei passaggi difficili in montagna, sempre ben funzionante.
  • Bastoncino telescopico Diorite by Ferrino: bastoncino tecnico, versatile per il trekking e per l’escursionismo sia in estate che in inverno anche su neve. Adatto per skitouring, scialpinismo e ciaspole
  • Bastoncino Xenon by Camp: l’impugnatura lunga in neoprene garantisce ottima presa all’utilizzatore. E’ suddiviso in 4 segmenti e risulta estremamente leggero, compatto e resistente per il trekking. Realizzato in lega di alluminio.

La nostra selezione di bastoncini telescopici

  • Bastoncini Telescopici Gran Tour by Ferrino: bastoncino da running e light backpacking telescopico e pieghevole, per gli utilizzatori più esigenti che richiedono leggerezza, affidabilità e minimo ingombro.
  • Bastoncini telescopici Spantik by Ferrino: ideale per gli utilizzatori più esigenti che richiedono leggerezza, affidabilità e minimo ingombro.
Cashback: come utilizzare il link e iniziare a guadagnare commissioni

Ti sei iscritto?

Se ti sei iscritto e hai ricevuto l’email di conferma iscrizione al Cashback Scout.coop è dunque giunta l’ora di partire per iniziare a guadagnare la commissione.

Trova e condividi il link

Dove trovare il link di condivisione? Lo trovi nell’email di conferma, nella tua area riservata e anche nella pagina pubblicata dedicata al tuo gruppo / ente.

Guarda il link nella pagina del tuo gruppo

Cos’è la pagina del tuo gruppo? E’ una pagina che abbiamo dedicato al tuo gruppo, a te, alle famiglie e dove trovi tutte le informazioni utili per conoscere cos’è il cashback e come può essere utile per il tuo gruppo. Eccoti degli esempi:

In ogni pagina trovi chiaramente indicato il link di cashback: è sufficiente cliccare su “Inizia lo shopping” ogni volta che vorrai acquistare su Scout.coop e destinerai una percentuale del tuo acquisto al cashback a favore del tuo gruppo.

E se queste novità non sono abbastanza nei prossimi mesi torna su Scout.coop per nuovi servizi a favore dei clienti e soci della cooperativa Scout.coop.

Giacca Imber V: impermeabile e primo prezzo

La giacca Imber V di Regatta è un ottimo guscio per le mezze stagioni, pur presentando una linea pulita e priva di fronzoli ha tutto l’essenziale: una buona impermeabilità, traspirabilità, due ampie tasche inferiori, cappuccio tecnico con visiera, cuciture nastrate.

Una volta ripiegata occupa poco spazio, quindi possiamo facilmente portarla sempre con noi: nello zaino, in moto, in bicicletta…

Infine la caratteristica più importante: un’ottimo rapporto qualità prezzo.

In vendita su scout.coop a soli 49 € sia nella versione uomo che donna.

I Gazebo di Scout.coop per la ripartenza delle attività educative

Le disposizioni in materia di covid19 incentivano le attività all’aria aperta perché considerate meno a rischio delle attività svolte al chiuso. Molti gruppi ci hanno chiesto dei gazebo per poter organizzare delle zone d’ombra da utilizzare durante le attività.

Vi proponiamo quindi due prodotti. Nel caso foste interessati ad acquisti multipli inviateci una mail per ricevere un preventivo personalizzato: info@scout.coop

Sono Don Nunzio, vita e pensiero del prete con i baffi

In prevendita fino al 3 luglio presso il sito dell’editore TiPi Edizioni di Belluno, e successivamente presso la nostra cooperativa, la biografia Sono Don Nunzio, vita e pensiero di Don Annunzio Gandolfi, il prete con i baffi scritta da Andrea Padoin.

Capo scout, prete, educatore, scrittore, collezionista, appassionato di vita all’aria aperta, fotografo, divulgatore… Don Nunzio fu questo e tanto altro.

Raccontare la sua vita significa raccontare cinquant’anni di storia dello scautismo italiano.

Probabilmente ai più giovani il suo nome non dirà molto ma don Nunzio, o Baffo001, come si firmava sulle riviste associative, ha lasciato un grande segno in opere e scritti, al punto che alcuni dei sui racconti sono parte dell’immaginario collettivo degli scout italiani.

Don Nunzio era una persona speciale, incontrarlo non lasciava indifferenti, ti cambiava, come ricorda, con affetto, nella prefazione del libro, uno dei ragazzi del suo reparto, il regista Pupi Avati e, oggi, a oltre dieci anni dalla morte, il suo pensiero rimane più che mai attuale.

La pubblicazione è stata realizzata in collaborazione con la nostra cooperativa, terminata la prevendita presso l’editore il libro sarà disponibile anche presso i punti vendita Scout.Coop.

Ascolta la presentazione su WebradioScout del libro “Sono Don Nunzio”

Ascolta “di Don Nunzio Gandolfi, libri scout e…” su Spreaker.

Sono don Nunzio.
Vita e pensiero di don Annunzio Gandolfi
il prete con i baffi (a cura di Andrea Padoin)
224 pp. – formato cm 16×23 – brossura con alette

TiPi Edizioni – 2020

ISBN 979-12-80019-02-8 – € 18,00 (iva incl.)

Ordina online…ritira in negozio

Scout.coop è al servizio dei clienti e degli scout e ha creato una nuova possibilità di ordine che permette di non dovere fare la fila e di trovare già pronto il materiale ordinato online semplicemente venendolo a ritirare presso i negozi di Bologna e di Firenze.

Come fare un ordine online e ritirare in negozio

Vai su Scout.coop, seleziona i prodotti che desideri acquistare e procedi con l’acquisto. Quando sei nella fase di pagamento ti sarà chiesto di:

  1. Selezionare la modalità di spedizione: ritiro in negozio a Bologna oppure ritiro in negozio a Firenze (dipende dove lo vuoi andare a ritirare)
  2. Selezionare la modalità di pagamento: puoi pagare direttamente online (e ti consigliamo questa scelta in quanto velocizza la fase di ritiro in negozio) oppure puoi pagare in negozio selezionando l’opzione “pagamento alla consegna in negozio.

Una volta fatto l’ordine attendi di venire contattato (ricordati di inserire sempre email e telefono cellulare a cui contattarti) da Scout.coop che ti comunicherà quando il tuo ordine è pronto per il ritiro (di solito, come per le consegne a casa, ci mettiamo veramente poco).

Cosa trovi nell’area riservata del Cashback Scout.coop

In questa prima settimana di avvio del programma di Cashback di Scout.coop oltre 50 gruppi scout hanno chiesto di aderire al programma e hanno già avuto accesso all’area riservata del programma.

L’area riservata è uno spazio ricco di strumenti utili per condividere il proprio link di Cashback con amici, soci, parenti, sostenitori ma anche per tenere sotto controllo il proprio borsellino elettronico e le visite al proprio link che hanno generato delle nuove commissioni che vanno ad accrescere il cashback. Nelle prossime settimane approfondiremo i vari aspetti del cashback e daremo suggerimenti e consigli su come gestirlo al meglio.

Ora puoi in meno di due minuti guardare cosa troverai nell’area riservata

Cashback Scout: l’opportunità di risparmio per il tuo gruppo

Siamo lieti di annunciare una nuova iniziativa della nostra cooperativa a sostegno dei gruppi scout di Sardegna, Toscana ed Emilia Romagna e dei gruppi parrocchiali, educativi ed escursionistici.

Praticamente da oggi, 1 maggio partirà il cashback di Scout.Coop.

Tanto più acquisterete e riuscirete a portare nuovi clienti alla cooperativa tanto più avrete diritto a buoni spesa per acquisto di altro materiale.

Come funziona

Se siete interessati i vostri capi gruppo o il vostro rappresentante legale dovrà iscriversi nell’apposita area.
Riceverete un link di affiliazione che potrete pubblicizzare tramite il vostro sito o le vostre pagine social. Tutti gli acquisti che saranno effettuati tramite il link di affiliazione genereranno una percentuale di rimborso in favore della vostra organizzazione che potrete utilizzare per l’acquisto di altro materiale a
partire dal prossimo anno.

In 1 minuto e mezzo ti spieghiamo come funziona – Guarda il video

E se effettuo acquisti nei negozi fisici della cooperativa?

Se effettuate acquisti in uno dei nostri punti vendita sarà sufficiente dichiariate alla cassa, prima del
pagamento, il nome dell’organizzazione a cui desiderate destinare il cashback.

E se la mia organizzazione ha delle richieste particolari o deve acquistare una grande quantità di attrezzatura?

Indipendentemente dal cashback, se la tua organizzazione ha richieste particolari, come ad esempio realizzare abbigliamento personalizzato, gadget per eventi o ricorrenze, oppure deve acquistare una grande quantità di attrezzatura potrà contattarci direttamente all’indirizzo info@scout.coop o tramite i nostri canali social. Cercheremo per voi le migliori opportunità

Vuoi maggiori informazioni?

Abbiamo preparato delle pagine informative:

  1. Come funziona Cashback di Scout.coop
  2. F.A.Q. Cashback Scout.coop

Il Cashback è solo una delle tante iniziative che Scout.coop fa a favore dei gruppi Agesci e dei suoi clienti. A settembre lanceremo ulteriori novità che renderanno ancora più facile acquistare e condividere i prodotti Scout.coop

Caro Aldo…lettere di un assistente ecclesiastico ad un esploratore

Un nostro socio e capo scout, Virgilio Politi, ha pubblicato una selezione delle lettere che Don Annunzio Gandolfi ha scritto sulla rivista “L’Esploratore”.

Don Nunzio diceva in merito: “Le lettere che ho pubblicato sui numeri precedenti erano veramente indirizzate ad un Aldo, scout in carne ed
ossa, anche se in definitiva il mio segreto scopo era quello di farle leggere a tutti gli esploratori
“.

Possono essere lettere di 50 anni fa ancora di ispirazione per i capi di oggi? Certamente la società e il mondo sono cambiati da allora ma Don Nunzio ancora ci fornisce suggerimenti utili per il nostro essere educatori.

Di Don Nunzio spicca sempre la schiettezza e sincerità: nell’introduzione Virgilio confida un suo ricordo che qui riportiamo.

Una foto di don Nunzio…il prete coi baffi!

La prima volta che incontrai don Nunzio fu una domenica mattina sulla scalinata della sacrestia della Chiesa di San Paolo di Ravone. Avevo terminato la riunione di Reparto e stavo andando a prendere la bicicletta quando mi sentii chiamare : Esploratore, vieni qui! Andai da quel prete sconosciuto che mi chiamava e quando mi trovai davanti mi disse: Perché non sei in uniforme con i pantaloni corti? Risposi risentito : Da noi si usa così! Ribatté : Sarà, ma uno scout senza pantaloni corti è uno che ha paura di essere quello che deve essere! Dopo qualche mese me lo ritrovai in Reparto come Assistente Ecclesiastico e, senza che me lo dicesse, mi sono messo in pantaloni corti perché volevo dimostrargli che non avevo paura di essere un vero scout! Da quell’incontro è cominciato un lungo cammino insieme che mi ha dato l’opportunità di avere al mio fianco un maestro vero che mi ha offerto un’amicizia sincera, fiducia incondizionata e sostenuto nel mio essere scout.

25 aprile: la bandiera italiana  e l’anniversario della liberazione dell’Italia

Oggi 25 aprile tutta l’Italia festeggia l’anniversario della Liberazione dell’Italia e la bandiera italiana assume un significato particolare in questo momento dove ci è chiesto di essere più uniti e coesi come cittadini italiani, dove valori come la solidarietà, divengono ancora più importanti.

Storia della bandiera italiana

E’ interessante la storia della bandiera italiana: affonda le sue radici nel 1797 quando il parlamento della Repubblica Cispadana decreta “che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di Tre Colori Verde, Bianco, e Rosso, e che questi tre Colori si usino anche nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti”.

Perchè i colori bianchi, rosso e verde?

Il bianco e il rosso erano i colori dello stemma del Comune di Milano mentre il verde era il colore delle uniformi della Guardia Civica Milanese, inoltre i tre colori erano anche i colori dello stendardo della Legione Italiana, soldati delle terre dell’Emilia e della Romagna. La bandiera poi si è evoluta passando nell’epoca napoleonica e nel risorgimento fino ad arrivare ai giorni nostri e all’unità d’Italia.

La bandiera Italiane dopo la Liberazione

E’ il 24 marzo 1947 quando l’Assemblea Costituente decreta il tricolore italiano “La bandiera della repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a bande verticali e di eguali dimensioni”.

In questi giorni molti italiani stanno mettendo sui davanzali la bandiera italiana. Se ti interessa a Scout.coop puoi acquistarla con fettucce / con sagola.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per maggiori informazioni leggi la nostra Informativa sul trattamento dati personali

Accetto